Tu sei qui: Home > Il progetto > Climatologia

Climatologia

I ritmi stagionali degli esseri viventi sono strettamente legati alle variazioni della temperatura. Qualche grado in più è sufficiente ad anticipare di varie settimane l’apertura dei germogli o l’ovodeposizione. Questi fenomeni sono quindi preziosi indicatori dell’impatto del cambiamento climatico sugli ecosistemi.

Station de mesure des températures du CREA au Couvercle (Massif du Mont-Blanc 2 700 m) - © CREA Mont-Blanc

La montagna come oggetto di studio

Per la grande diversità dei microclimi lungo i piani altitudinali o l’esposizione del versante, la montagna è un oggetto di studio particolarmente interessante. Per sostenere la ricerca sul clima nelle Alpi è stata installata, appositamente per il programma Phénoclim, una rete di 70 stazioni di rilevamento della temperatura su tutto il massiccio.

Per saperne di più sulle stazioni: la scheda tecnica Barra degli strumenti

Innevamento

L’innevamento è un fattore climatico essenziale per comprendere le reazioni della fauna e della flora montane. Mantenendo la temperatura del suolo a 0°C durante l’inverno, il manto nevoso protegge le piante dal gelo e impedisce un risveglio vegetativo troppo anticipato. Offre anche un’importante risorsa idrica in primavera.

Relevé des températures à Montroc (Haute-Savoie, 1400 m) entre octobre 2012 et mai 2013

Rilevamento delle temperature a Montroc (Alta Savoia, 1400 m) tra ottobre 2012 e maggio 2013. Temperatura del suolo, temperatura a 2 m dal suolo, misurazione dell’altezza della neve.

Durante i mesi invernali, i sensori termici posizionati a livello del suolo, ricoperti di neve, rilevano costantemente O° C, mentre quelli situati a 2 metri dal suolo sulle stesse stazioni continuano a oscillare secondo le variazioni della temperatura dell’aria.


Azioni sul documento

Gli Alpi come modello

Le Alpi sono particolarmente sensibili alle variazioni climatiche in atto. Il versante occidentale delle Alpi ha subìto un aumento della temperatura da +1.5 a +2°C nell’ultimo secolo, il doppio rispetto alla media a livello planetario (+0.7°C).